Gualtiero Vanelli presenta “Once upon a time”

Gualtiero Vanelli presenta “Once upon a time”

Per il terzo anno consecutivo, Gualtiero Vanelli, risponde alla chiamata della Leonardo DiCaprio Foundation a sostegno delle numerose iniziative che dal 1998 la vedono impegnata nella difesa del nostro Pianeta e dei suoi abitanti, offrendo in asta una preziosa ed esclusiva creazione del suo ingegno: la scultura “Once upon a time”.

Concepita appositamente per la quarta edizione dell’annuale serata di gala organizzata dalla Leonardo DiCaprio Foundation, che si terrà a St. Tropez mercoledì 26 luglio 2017 presso la Domaine Bertaud Belieu vineyard, l’opera è stata donata al patron della Fondazione, Leonardo Di Caprio, e sarà offerta in asta per raccogliere fondi a favore delle battaglie ambientaliste sostenute dalla LDF.

La scultura, realizzata in purissimo marmo statuario di Carrara, si intitola Once upon a time, e si tratta di un omaggio all’amico Leonardo DiCaprio, ritratto nelle vesti di uno dei suoi personaggi più celebri: il malinconico miliardario Jay Gatsby, protagonista della trasposizione cinematografica, diretta da Baz Luhrmann nel 2013, dell’omonimo romanzo di Francis Scott Fitzgerald del 1925, The Great Gatsby.

Un fiero Jay Gatsby fissa l’osservatore seduto sulla poltrona, le gambe accavallate, le braccia incrociate sulle ginocchia. Un completo elegante a doppio petto delinea la figura, mosso da magistrali pieghe del tessuto che rendono la pietra più simile all’argilla che al tenace materiale eterno, domato dalle frese elettroniche e dalla maestria di un artigiano con lo scalpello. Brillano i gemelli in argento, cui fa eco il metallo dell’orologio e il manico prezioso del bastone da passeggio, retto dalla mano destra: inserti che fanno da contrappunto al candore assoluto del marmo statuario di Carrara. La compostezza dell’atteggiamento è tradita dagli occhi carichi di fuoco, la composizione registra infatti uno dei momenti più drammatici del racconto: lo scontro con il rivale Tom presso l’Hotel Plaza a cui segue lo sconforto di fronte all’incapacità di Daisy di rivelare il proprio amore.

Il Grande Sogno Americano, incarnato dalla figura di Gatsby, self-made man dei ‘ruggenti anni Venti’, viene consegnato all’eternità del marmo, e con esso la magistrale interpretazione datane da Leonardo DiCaprio sugli schermi cinematografici di tutto il mondo. Due miti si fondono in un’unica potente narrazione americana: Leonardo Di Caprio, premio Oscar e convinto sostenitore di numerose battaglie ambientaliste, modello di star impegnata nella restituzione al pianeta della grande fortuna consegnatagli dal suo talento, e Gatsby, allegoria del sogno a stelle e strisce e allo stesso tempo del suo declino.

Dopo la creazione dell’ormai celebre Tiger M-Piano, donato alla Fondazione Leonardo DiCaprio per l’edizione 2015 e battuto all’asta per 700.000€, nel 2016 Gualtiero Vanelli ha immaginato di consegnare al materiale eterno il compito di dare forma concreta all’orsa Grizzly di Revenant (Alejandro Gonzales Iñárritu, 2016), con l’opera Ursus Arctos Horribilis, venduta per 580.000€. Quest’anno è la volta del ritratto dell’attore nelle vesti di uno dei suoi personaggi più affascinanti e più amati dal pubblico: il Gatsby fitzgeraldiano.

L’opera, come tutte le precedenti, è stata ricavata da un unico blocco di pregiato ‘marmo statuario’, proveniente dalle cave che da diverse generazioni la famiglia Vanelli possiede nel cuore del distretto del marmo di Carrara, dove Michelangelo sceglieva le pietre per le sue opere d’arte e dove per secoli si è proseguito nell’estrazione di questo nobile materiale. È in questi luoghi che prosegue l’impegno di Gualtiero Vanelli nei confronti dell’ambiente. Proprio in occasione della serata di gala sarà infatti proiettato un video girato in una porzione in disuso delle cave sul Monte Betogli. Il cortometraggio vede come protagonisti il cantante Andrea Bocelli con la moglie Veronica e i loro due figli e racconta la rinascita del territorio grazie, alla sua riqualificazione in area verde attraverso il trapianto di specie vegetali locale. L’impatto ambientale è un aspetto a cui le aziende di Marbleman dedicano massima attenzione. Il territorio apuano, disegnato dall’attività di estrazione che lo caratterizza da secoli, è soggetto di interesse privilegiato al quale sono dedicati precisi piani di recupero e armonizzazione progressiva con il paesaggio circostante.

Ancora una volta Gualtiero Vanelli, the Marbleman, ha saputo concentrare in un solo intervento la sua personale visione della creatività contemporanea, quale mezzo per trasmettere messaggi universali di rinascita e valorizzazione delle risorse donateci dal pianeta a cui questa stessa energia è destinata, trasformata in un sostegno concreto.

Gualtiero Vanelli

Gualtiero Vanelli
“Once upon a time”
26 luglio 2017


Tag: Gualtiero Vanelli