IN Contemporanea. Agostino Arrivabene, Bertozzi&Casoni, Angelo Filomeno

IN Contemporanea. Agostino Arrivabene, Bertozzi&Casoni, Angelo Filomeno

Lo Spazio46 di Palazzo Ducale a Genova inaugura, sabato 1 luglio alle ore 19.00 la seconda mostra del ciclo IN Contemporanea, una rassegna d’arte contemporanea curata da Stefania Giazzi e Virginia Monteverde che prevede la partecipazione di tre artisti internazionali scelti per affinità tematiche.

La mostra, che vede l’esposizione delle opere di Agostino Arrivabene, Bertozzi&Casoni e Angelo Filomeno, si propone di esplorare il tema della caducità e della vulnerabilità della materia attraverso le rappresentazioni del gruppo di artisti che esprimono, con raffinate tecniche di pittura, sofisticate sculture e manufatti preziosi, la sottile malinconia del tempo che ogni cosa consuma.
Ironia, manierismo e struggente ricerca della bellezza pervadono le opere in mostra in una moderna rappresentazione della vanitas.

Agostino Arrivabene si muove in un universo visionario, popolato da ossessioni cosmiche ctonie.
La sua dettagliata pittura rende omaggio ai maestri del passato, quali Leonardo e Dürer, e scava dietro alle superfici levigate di stratificate bellezze per scoprirne i segni del deterioramento.
Nello svelamento della corrosione dell’originaria purezza, Arrivabene ci mostra che una volta concluso il ciclo di dissoluzione ogni cosa potrà ritornare all’origine, alla terra, che genererà un nuovo ciclo di vita, seppur di diversa natura.

Bertozzi&Casoni I due artisti creano “sculture dipinte”, come essi stessi definiscono la loro ricerca; assemblaggi di ceramiche con raffinata tecnica che adopera la ricercatezza del dettaglio non scevro di un ironico richiamo alle icone religiose ma anche intellettuali del nostro tempo, talvolta cadute in disuso; oppure all’accumulo di oggetti e detriti di ogni genere, un tempo oggetti di desiderio, ora obsoleti e destituiti, che segnano l’irreversibilità del destino di ogni cosa e la vacuità della nostra era del consumismo.

Angelo Filomeno usa la preziosità di tessuti in shantung di seta per creare ricami irriverenti.
Nelle sue opere l’artista recupera un’antica tradizione manuale per raccontare le sue visioni del nostro universo popolato da noi umani, sospesi tra la dimensione del cielo e la terra, tra splendore e decadenza, in caduta libera nel vuoto dell’ignoto. Il suo immaginario attinge alle culture primitive, ai riti sciamanici che guariscono i mali della comunità, i cui talismani hanno il potere di proteggere dalle forze oscure. Con dissacrante leggerezza raffigura le nostre paure, e irride alla nostra vanità.

AGOSTINO ARRIVABENE
Agostino Arrivabene nasce a Rivolta d’Adda, in provincia di Cremona nel 1967. si è diplomato all’accademia di Belle Arti di Milano, ma la sua vera formazione l’acquisisce attraverso la presa diretta dei dipinti dei grandi maestri del passato osservandone dal vero le loro opere fra i vari musei d’Europa e del mondo. La sua attenzione è rivolta a trovare un filo conduttore che potesse riproporre la poetica del passato e la ricerca della “ bellezza”, nella contraddittoria realtà del suo tempo presente. La sua ricerca artistica si sviluppa sotto il segno e la guida degli antichi maestri, in particolare Leonardo, Dürer, Van Eych, tutti i primitivi fiamminghi e Rembrandt.
In un personalissimo percorso anti-moderno l’artista riscopre, negli anni della formazione da autodidatta, molte delle tecniche pittoriche tradizionali (ad esempio la preparazione artigianale dei colori). Le opere di Arrivabene sono caratterizzate da una forte carica visionaria con una predilezione per il linguaggio simbolista e sono realizzate con materiali preziosi, quasi tutti caduti in disuso, preparati artigianalmente.
BERTOZZI & CASONI
Bertozzi & Casoni è una società fondata nel 1980 a Imola da Giampaolo Bertozzi (Borgo Tossignano, Bologna, 1957) e da Stefano Dal Monte Casoni (Lugo di Romagna, Ravenna, 1961).
Durante la prima formazione all’Istituto Statale d’Arte per la Ceramica di Faenza i loro interessi si indirizzano verso un dialogo con la grande tradizione dell’arte e coltivano una originaria vocazione per la sperimentazione in campo scultoreo, vedendo nella ceramica una possibilità per una scultura dipinta.
Oggi le loro creazioni in ceramica policroma sono riconosciute a livello internazionale.
Tra le principali esposizioni: Tate Liverpool e alla XIV Quadriennale di Roma nel 2007, Padiglione Italia della Biennale di Venezia nel 2009 e nel 2011; nel 2010 a All Visual Arts di Londra e alla Fondazione Arnaldo Pomodoro di Milano. Nel 2011 espongono al Musée des Beaux Arts di Ajaccio; nel 2015 al MaMBo di Bologna e nel 2016 alla GAM di Palermo. Collaborano con importanti gallerie nazionali ed internazionali come Sperone Westwater (New York e Lugano).
ANGELO FILOMENO
Angelo Filomeno (nato a Ostuni, 1963. Vive e lavora a New York) da sempre lavora con il ricamo. I suoi lavori sono stati esposti in importanti rassegne internazionali (Biennale di Venezia nel 2007) e presso Musei e Fondazioni prestigiosi tra i quali il Centre George Pompidou di Parigi, il Salvatore Ferragamo Museum di Firenze, il Museum Bellerive di Zurigo, Museo Pino Pascali, Polignano a Mare, Bari, il 21st Century Museum of Contemporary Art di Kanazawa.

 

IN Contemporanea
Agostino Arrivabene, Bertozzi&Casoni, Angelo Filomeno

2 – 30 luglio 2017
Inaugurazione sabato 1 luglio ore 19.00
Spazio46 di Palazzo Ducale, GENOVA
a cura di Stefania Giazzi e Virginia Monteverde

A.-Arrivabene-Linfante.-Meriggio-olio-su-legno-cm-765x575

A.-Arrivabene-Linfante.-Meriggio-olio-su-legno-cm-765×575

Bertozzi-e-Casoni-Vassoio-2011-ceramica-policroma

Bertozzi-e-Casoni-Vassoio-2011-ceramica-policroma

A.-Filomeno

A.-Filomeno

 

 


Tag: AGOSTINO ARRIVABENE Tag: ANGELO FILOMENO Tag: BERTOZZI & CASONI Tag: Palazzo Ducale