Ecco una preview di quello che troverete in questo numero

 

HESTETIKA N. 18 è IN EDICOLA E ONLINE

PABLO PICASSO, EXPO, SPECIALE SVIZZERA

È in edicola e online il numero 18 di HESTETIKA, il magazine che, nelle sue 180 pagine e gli oltre 30 articoli, raccoglie e racconta il nuovo che avanza nel mondo dell’arte e del design, dando visibilità alle eccellenze nei vari campi artistici con un occhio di riguardo ai nuovi talenti.

La cover story è dedicata allo speciale sulla Svizzera: punto di partenza, il padiglione a Expo della Confederazione Elvetica, all’insegna del consumo responsabile (per molti il padiglione che meglio ha interpretato lo spirito dell’Esposizione Universale); dopo un doveroso focus sul design funzionale e sobrio “Swiss Made”, il viaggio nell’arte e nell’estro svizzero prosegue poi con il LAC– Lugano Arte Cultura – nuovo centro culturale per le arti visive, la musica e il teatro, per poi focalizzarsi sui numerosi musei sparsi nel Paese, per un’offerta artistica di prima qualità ed estremamente varia; ed è sempre l’arte, declinata in molteplici forme e ambiti, la direttiva di imprese e società svizzere: BSI, una delle più antiche banche e specializzata nel wealth management; Habitare, a rappresentare l’eccellenza nell’arredo e nell’interior design; ARVI, leader nel mondo per la commercializzazione di vini pregiati e rari; l’architetto Enrico Sassi testimonia la creatività e la lungimiranza nel suo settore, mentre Ronnie Kessel è “l’artista delle automobili”, con una giovane ma intensa vita spesa fra le piste e l’imprenditoria di successo; Luigi Campagna invece, CEO di Goldberg Capital Partners, società di consulenza finanziaria, può essere definito “l’artigiano della finanza”, mentre Gianluca Marano è il CEO di SVA Group, società di consulenza strategica di Chiasso.

A Milano e all’evento dell’anno si torna poi per approfondire le mostre e l’arte che gravitano dentro e fuori Expo e che rendono il capoluogo lombardo un rigoglio di nuova bellezza e polo culturale di prima grandezza internazionale: c’è solo l’imbarazzo della scelta per le proposte di questi mesi, da Palazzo Reale alla Pinacoteca di Brera, dal Museo del Novecento alla Triennale, passando per l’Hangar Bicocca e la nuova Fondazione Prada. All’interno di Expo, invece, sono centinaia i capolavori da ammirare provenienti da tutto il mondo, tra i padiglioni dei vari Paesi e i cluster.

E’ il MoMA invece a ospitare 150 opere scultoree di Picasso provenienti da musei e importanti collezioni private, che testimoniano l’aspetto sperimentale e intimo del grande artista spagnolo; è invece il Forte Belvedere di Firenze la location perfetta per ospitare “Human”, la mostra dello scultore inglese Antony Gormley, le cui opere comunicano direttamente con lo spazio in cui sono ospitate; sono invece le scarpe, intese come fonte di piacere e di dolore, con 200 modelli da tutto il mondo, le protagoniste della mostra al Victoria & Albert Museum di Londra fino al 31 gennaio; fra gli altri artisti approfonditi, Mario Schifano, la risposta italiana del secolo scorso alla Pop Art americana, il cileno Javier Tapia, con i suoi collage ibridi ed eterogenei, l’argentino Juan Gatti, celebre per le sue opere legate al cinema e specialmente ai lungometraggi di Pedro Almodóvar.

Fra gli artisti italiani incontrati, Caterina Silva e le sue opere permeate di continui contrasti;Stefano Perrone e i suoi volti senza sguardi, ermetici e assenti; Antonella Paglialonga, in arte Cartapaglia, e le sue sculture in cartapesta; Francesca Fattori e i suoi scatti capaci di ritrarre il cibo nella sua bellezza e versatilità, mentre il fotografo Max Farina ci mostra un volto diverso di Milano, quello delle periferie e della loro bellezza decadente. Chiude il numero un’intervista illustrata di Lucia Manetti al pittore fiorentino Luca Alinari.

Immancabili infine le rubriche: le ultime news dal mondo dell’arte, motori, orologi, Hi-Tech.

Cover_White2

Seguici su Instagram