Associazione AMIXI per l’Arte Contemporanea di Villa Croce a Genova presenta Fondamenta 1, progetto di arte pubblica a cura di Luca Cerizza che prevede la realizzazione nel parco del Museo di Villa Croce di un’opera site-specific visibile direttamente dalla strada.

Fondamenta 1 farà rivivere i 56 mq della storica insegna ANSALDO, che è stata ridisegnata dallo Studio Sottsass negli anni ’80 nell’ambito di una ridefinizione dell’immagine dell’azienda, ormai indissolubilmente legata al paesaggio della città. L’insegna è stata recuperata dagli AMIXI e dal Comune di Genova durante lo smantellamento dell’ex-edificio NIRA davanti al museo, avvenuto nel quadro delle operazioni di demolizione per il nuovo progetto della Darsena di Genova a firma di Renzo Piano.

Per la realizzazione dell’opera, l’Associazione AMIXI ha chiesto al curatore Luca Cerizza di organizzare una call su invito. Cerizza ha selezionato dieci artisti italiani di diverse generazioni, che hanno tutti accolto l’iniziativa con entusiasmo presentando proposte innovative fondate su una profonda comprensione della particolare storia dell’insegna ANSALDO e su una seria riflessione sul tema progettuale. Sono stati invitati: Francesco Arena (Torre Santa Susanna, Brindisi, 1978), Massimo Bartolini (Cecina, 1962), Luca Vitone (Genova, 1964), Lia Cecchin (Feltre, Belluno, 1987), Danilo Correale (Napoli, 1982), Gaia De Megni (Portofino, 1993), Francesco Jodice (Napoli, 1967), Margherita Moscardini (Donoratico, Livorno, 1981) Riccardo Previdi (Milano, 1974) e Patrick Tuttofuoco (Milano, 1974).

Tra i progetti proposti, è stata selezionata dal consiglio dell’Associazione e dal curatore la proposta di Lia Cecchin con l’opera Una città cancella, l’altra scrive, che verrà presentata quest’anno in primavera.

Gli AMIXI sono intervenuti per recuperare questo importante reperto della memoria storica industriale della città, che misura 13 x 3,80 metri, per dotarlo di una nuova sede e un nuovo ruolo sociale. Ripensata come opera d’arte, l’insegna potrà essere fruita dalla cittadinanza in questa nuova veste, accessibile e visibile a tutti, anche a coloro che solitamente non frequentano il museo.

Luca Cerizza dice dell’iniziativa: “La chiamata del concorso si rivolgeva volutamente ad artisti che fossero diversi per generazioni, esperienze e provenienza geografica, ma che avessero una comune attenzione ed esperienza verso l’arte pubblica. È stato molto piacevole constatare come, non solo che tutti gli artisti abbiano aderito all’invito, ma che ci abbiano sottoposto una serie di risposte stimolanti rispetto alle condizioni di partenza del concorso. Le dieci proposte si confrontano in modi diversi e inaspettati al contesto in cui andavano a lavorare: alla storia di Genova, al suo paesaggio naturale, alla sua situazione socio-economica, alla storia dell’Ansaldo e di quell’insegna”.

Il progetto di Lia Cecchin consiste nella collocazione di un neon che comporrà la frase “è un momentaccio!” all’interno del perimetro dell’insegna originaria. L’idea viene all’artista guardando una foto di Giò Palazzo del 1976 in cui la stessa frase compare su un muro della città di Torino in anni di profonde tensioni sociali e politiche che si manifestavano anche attraverso il linguaggio di strada. Tra i tanti slogan scritti sui muri durante quel periodo di violenza e disperazione, l’artista viene colpita dalla semplice realtà di questa constatazione e dalla grafia gentile con la quale venne realizzata, in contrasto con il linguaggio violento di tanti altri graffiti. Questa frase riesce ad aprire uno spazio temporale che ci porta al tempo presente e che si fa promemoria di una condizione esistenziale comunitaria. Allo stesso tempo, l’artista celebra la creatività anonima di chi ha ideato questa scritta, facendosi tramite del suo messaggio attraverso gli anni.

Fondamenta 1 vuole essere trampolino di lancio per un piano a lungo termine di rigenerazione urbana della città di Genova attraverso l’arte pubblica contemporanea. La volontà è quella di creare altre “Fondamenta”, che nei prossimi anni verranno collocate in città, senza escludere zone periferiche e dequalificate. L’obiettivo è quello di dimostrare che l’arte contemporanea può essere uno strumento per la riqualificazione di luoghi o oggetti dimenticati e per la creazione di nuove sinergie, come è stato dimostrato nel caso dell’insegna ANSALDO.
 

ASSOCIAZIONE AMIXI PER L’ARTE CONTEMPORANEA (ex Amixi di Villa Croce)

L’Associazione è stata costituita nell’anno 2013 durante la direzione del Museo di Villa Croce effettuata da Ilaria Bonacossa e alla luce di un progetto sperimentale estremamente avanzato di collaborazione tra istituzione pubblica e privati.
Si tratta di un gruppo di persone, composto da appassionati e coinvolti o meno nell’arte, che ha deciso di sostenere l’Arte Contemporanea a Genova e il suo Museo che ha avuto un glorioso passato tra gli anni 60 e 90.
L’Associazione ha finanziato numerosi progetti; prima di tutto quello della creazione e manutenzione di un sito dedicato al museo che ne era privo; ha organizzato e ospitato eventi inaugurali, cicli di conferenze, programmi di master estivi, progetti di mostre, documentazione video e pubblicazioni di alcune mostre.
L’obiettivo comune era quello di riportare Villa Croce all’attenzione della città prima di tutto e quindi anche all’attenzione nazionale e internazionale grazie ad un programma di ampio respiro e la curatela di persone riconosciute in ambito nazionale.
L’associazione è divenuta anche main sponsor del Museo nei primi mesi del 2018.

Nell’anno 2019 l’Associazione ha cambiato nome senza abbandonare l’obiettivo di divulgare la cultura dell’Arte Contemporanea a Genova.

Oggi, cogliendo l’occasione della demolizione dell’Edificio ex NIRA collocato nell’ambito delle aree della Fiera del Mare di Genova, l’Associazione ha provveduto all’accantonamento della struttura dell’insegna ANSALDO che era collocata sulla copertura di detto edificio. Successivamente e in accordo con le Istituzioni ha provveduto ad avviare un progetto di recupero della stessa al fine di realizzare un’opera d’arte pubblica che sia facilmente riconoscibile e fruibile da tutti.
L’iniziativa costituisce la prima di una serie di attività che l’Associazione vuole portare avanti nella città individuando di volta in volta nuovi spunti e nuove location per contribuire a divulgare una visione contemporanea dell’arte e della cultura.

BIOGRAFIE
Curatore
Luca Cerizza (Milano, 1969) è critico e curatore. Dal 2004 insegna alla NABA (Nuova Accademia di Belle Arti, Milano). È stato tra gli editors della rivista Kaleidoscope (2009-2013) e collaboratore di Frieze (2006-13). Attualmente collabora con Art Agenda e Flash Art. Autore di Alighiero Boetti. Mappa (Afterall, Londra 2008/Electa, Milano 2009) e L’uccello e la piuma. La questione della leggerezza nell’arte italiana (Et al. Edizioni, Milano 2010), Cerizza ha curato l’antologia dei testi critici di Tommaso Trini (Johan & Levi, Milano, 2016) e sta completando monografie su Diego Perrone e Gianni Pettena (Mousse, Milano 2020). Tra gli ultimi progetti curatoriali: la mostra principale della Pune Biennale (Pune, India, 2016. Con Zasha Colah), le mostre personali di Gianfranco Baruchello (Raven Row, Londra, 2017) e Tino Sehgal (OGR, Torino, 2018), e il convegno e mostra Campo Umano. Arte Pubblica 50 anni dopo (Como, 2019. Con Zasha Colah).

Artista
Lia Cecchin (Feltre, Belluno, 1987) è artista e ricercatrice, vive e lavora in Italia. Nel 2010 si laurea in Arti Visive e dello Spettacolo presso l’Università IUAV di Venezia. Ha partecipato a diversi programmi di residenza e workshop tenuti presso Fondazione Spinola Banna (Poirino), Fondazione Bevilacqua La Masa (Venezia), Halle 14 (Lipsia), Progetto Diogene (Torino), Lastation (Gagliano del Capo) e (a cura de La Quadriennale di Roma) Madre (Napoli). Le sue opere sono state esposte in istituzioni, gallerie e spazi no profit italiani e stranieri come: AKV (‘s-Hertogenbosch); Fondazione Bevilacqua La Masa (Venezia); GAM (Milano); Associazione Barriera (Torino); Fabbrica del Vapore (Milano); CLOG (Torino); Fanta Spazio (Milano); PAV Parco Arte Vivente (Torino); Greylight Projects (Bruxelles); MAMbo (Bologna); Museo Giovanni Fattori (Livorno); A+A Gallery (Venezia).
 

Fondamenta 1
a cura di Luca Cerizza
Parco di Villa Croce, Genova
Via Jacopo Ruffini, 3

Tag

Luca Cerizza Parco di Villa Croce Genova