E’ stata inaugurata nei giorni scorsi e proseguirà fino al 7 settembre la mostra Nunzio: The Shock of Objectivity presso la galleria Mazzoleni di Londra 

A cura di Kenneth Baker, la mostra personale di Nunzio a Londra mostra una nuova opera drammatica, Avvoltoio, (Vulture), insieme a una serie di grandi e imponenti sculture che vanno dalla fine degli anni ottanta agli ultimi anni, che rivelano il suo approccio creativo e stimolante per formare.

Fin dall’inizio della sua carriera, Nunzio ha svolto un ruolo strumentale configurando una visione diversa della scultura strutturata attorno alla sua personale concezione e esplorando il linguaggio della forma e la sua interrelazione con lo spazio. Così, ha spinto i confini dell’aspetto – i risultati sono magnifiche opere architettoniche che intrecciano sostanza, corpo e vuoto in uno straordinario equilibrio ritmico.

Combinate sculture in legno e imponenti opere di piombo incorniceranno il corpo principale di questa mostra.

Come commenta Kenneth Baker, curatore e critico d’arte

Inerzia – assenza di movimento, rifiuto di riconoscere la presenza degli spettatori o la loro reattività, gettando anche eventi banali nelle sue vicinanze in rilievo drammatico – questi sono poteri che Nunzio ha rivendicato per i suoi scopi. Non ha cercato un’estrema semplicità, ma attraverso la tecnica del bruciarsi ha affermato, con una paradossale testardaggine, la caducità delle sue sculture, di noi stessi e di tutto ciò che potremmo connetterci con loro. […] Nessuno dei gesti intellettuali che abbiamo imparato a posizionarci emotivamente o concettualmente rispetto alla scultura può reprimere lo shock dell’obiettività con cui l’opera di Nunzio si propone di presentarci. ”

Nunzio: The Shock of Objectivity
Fino al 7 settembre
Mazzoleni, 27 Albemarle Street, London, W1S 4HZ
 www.mazzoleniart.com

Tag

Mazzoleni London Nunzio