In occasione della 76. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, la Biennale di Venezia allestirà per il secondo anno al Lido all’Hotel Des Bains una mostra intitolata Ritratti (Opere uniche). 300 Polaroid raccontano i protagonisti della Biennale Cinema dal 1996 al 2004.

L’esposizione – che sarà aperta dal 26 agosto al 15 settembre in concomitanza della 76. Mostra del Cinema (28 agosto – 7 settembre 2019) – è curata dal direttore del Settore Cinema della Biennale, Alberto Barbera.

“Il nostro Paese ha nel proprio territorio una risorsa culturale, sociale ed economica strategica – dichiara Manfredi Catella, Fondatore e CEO di COIMA Sgr – L’impegno della Biennale con i risultati raggiunti a Venezia è un caso esemplare di come la cultura possa animare e valorizzare le città. È per noi un onore consolidare la collaborazione con la Biennale e il Comune di Venezia nel contribuire a riqualificare un luogo straordinario come il Lido di Venezia ed in particolare l’Hotel Des Bains”.

L’esposizione all’Hotel Des Bains raccoglie 300 Polaroid giganti che raffigurano i protagonisti delle edizioni della Mostra del Cinema di Venezia dal 1996 al 2004: i vincitori dei Leoni d’Oro e degli altri premi, i componenti delle giurie, i maestri del cinema e le star internazionali che hanno sfilato sul red carpet del Lido. Ordinate cronologicamente nei nove anni di riferimento, e arricchite dai video sul backstage dei vari set fotografici, le Polaroid giganti ripercorrono la presenza a Venezia di grandi personalità che hanno fatto la storia del cinema mondiale a cavallo del millennio, da Bernardo Bertolucci a Zhang Yimou, da Johnny Depp a Julianne Moore.

L’esposizione è realizzata in collaborazione con l’agenzia Photomovie, che dal 1996 al 2004 ha documentato ufficialmente gli autori e i divi della Mostra del Cinema attraverso la Giant Camera prodotta da Polaroid in pochissimi esemplari, che realizzava fotografie che si sviluppavano in 80 secondi, dopo i quali il negativo moriva, lasciando solo positivi “unici”, non riproducibili, esposti in quegli anni al Palazzo del Cinema.

Nei nove anni della storia veneziana della Giant Polaroid, dietro la macchina si sono alternati vari ritrattisti italiani: Fabrizio Marchesi, Stefano C. Montesi, Jacek P. Soltan, Fabio Lovino, Chico De Luigi, Maurizio Galimberti, hanno reso possibile la mostra. Accanto alle Giant Polaroid scattate da Maurizio Galimberti, saranno esposti anche alcuni dei più bei “mosaici fotografici” dell’artista, realizzati nelle edizioni della Mostra 2003 e 2004.

L’esposizione prosegue al T Fondaco dei Tedeschi. “Siamo particolarmente lieti di collaborare con la Biennale su questo progetto fotografico – dice Patrizia Moro, Amministratore Delegato di DFS Italia – T Fondaco dei Tedeschi è un department store che ha l’arte e la cultura nel suo DNA e sin dalla sua apertura ospita installazioni di artisti contemporanei e propone un ricco calendario di  eventi culturali. Essere sponsor di Ritratti (Opere uniche)  e ospitare al nostro interno alcune delle foto, creando un percorso ideale che va dall’Hotel Des Bains al Fondaco è, dunque, per noi un’opportunità unica, coerente con la nostra personalità.”

L’edificio che accoglie T Fondaco dei Tedeschi, eretto nel 1228 per ospitare i mercanti d’Oltralpe, fu ricostruito nella forma attuale nel 1508. Oggetto di radicali interventi strutturali agli inizi del XX secolo, nel 1925 le Poste ne divennero ufficialmente proprietarie. Nel 2008, Edizione Property acquista l’edificio e affida il restauro all’ architetto olandese Rem Koolhaas dello studio OMA. Nel 2016, DFS Group apre in questo spazio T Fondaco dei Tedeschi, il suo primo lifestyle department store in Europa e incarica l’inglese Jamie Fobert del progetto di riqualificazione degli spazi interni e degli arredi. T Fondaco dei Tedeschi è anche un importante polo culturale per la città di Venezia, grazie alle mostre di arte contemporanea – attualmente l’installazione “La regola del sogno” di Barnaba Fornasetti – e al nutrito calendario di eventi che animano l’Event Pavilion al quarto piano, richiamando un pubblico sempre più numeroso e affezionato.

L’esposizione Ritratti (Opere uniche) è realizzata inoltre con la collaborazione tecnica di Imex, azienda specializzata nella produzione di aste per cornici in legno e derivati con sede nella provincia di Bergamo. Imex ha sposato questo progetto come occasione unica per avvicinare il settore industriale a quello artistico, e per dimostrare quanto una cornice sia un elemento di estrema importanza  per veicolare il messaggio dell’opera d’arte verso l’occhio del pubblico.

RITRATTI (Opere uniche)
300 Polaroid raccontano i protagonisti della Biennale Cinema (1996 – 2004)
Hotel Des Bains, Lido / T Fondaco dei Tedeschi, Venezia
26 agosto – 15 settembre 2019

 

Nella foto: © Ph. Chicco Ronchetti / Photomovie | Harrison Ford, Venezia, 2002

Tag

Biennale Ritratti (Opere uniche)